Israele detiene tre ragazze minorenni

L’avvocato di Addameer Samer Samaan ha visitato ieri tre ragazze minorenni palestinesi detenute dall’occupazione israeliana nella prigione Al-Ramleh. Le tre ragazze Marah Bakir (16 anni), Estabraq Nour (14 anni) e Jihan Ereqat (17 anni) hanno detto all’avvocato Samaan che sono in condizioni di detenzione disumane e che il servizio carcerario israeliano (IPS) ha confiscato tutti i loro averi, tra cui il velo hijab.

tmp_18809-1-401881594

Le tre ragazze minorenni sono detenute al carcere Al-Ramleh insieme a detenute israeliane detenute per reati penali. Trattenere le ragazze con prigionieri criminali sta causando in loro costante paura e mancanza di sonno mettendo a rischio la loro salute mentale e psicologica.

Le ragazze hanno informato l’avvocato Samaan che sono detenute in una cella che ha due letti a castello, una coperta e un materasso. L’IPS ha confiscato tutti i loro averi, tra cui tutti i loro vestiti caldi e il velo hijab. La cella ha solo una piccola finestra all’interno del bagno. Questa finestra è l’unica fonte di aria fresca e luce solare. Le ragazze hanno riferito che la stanza è molto sporca ed è stata invasa da insetti.

Le ragazze hanno detto all’avvocato di Addameer che le guardie IPS le trattano in modo disumano. Vengono incatenate durante il loro tempo di ricreazione nel cortile della prigione e quindi si rifiutano di uscire all’aperto per questo motivo.

Le ragazze hanno riferito di aver avuto difficoltà a dormire per i pianti e le grida dei criminali detenuti nelle celle circostanti. Dal loro arresto, le famiglie non hanno potuto visitare le ragazze. Inoltre, sia Marah che Estabraq hanno ferite da proiettile. Entrambe le ragazze non ricevono le cure mediche necessarie.

Addameer chiede l’immediato trasferimento delle tre ragazze minorenni al carcere Hasharon dove sono trattenuti tutti i prigionieri politici palestinesi di sesso femminile. La detenzione delle ragazze al carcere Al-Ramleh, di fatto isolandole, costituisce una violazione e una tortura psicologica. Addameer sottolinea la necessità di fornire ai detenuti i loro diritti fondamentali in conformità con le regole minime per il trattamento dei detenuti, in particolare il diritto di ricevere cure mediche, il diritto di praticare la religione e il diritto di ricevere visite dei familiari.

Secondo le statistiche di Addameer, attualmente ci sono 45 donne detenute, tra cui 6 ragazze minorenni che sono detenute nelle carceri di occupazione israeliana e 2 detenute che sono trattenute in detenzione amministrativa. La maggior parte dei prigionieri politici femminili sono stati arrestati nelle ultime manifestazioni e sono stati sottoposti a torture e maltrattamenti durante il processo e gli interrogatori. Le prigioniere sono continuamente sottoposte a trattamenti degradanti e inumani durante i trasferimenti da un carcere ad un altro o da prigioni a tribunali.

 

Traduzione di Lete Griziotti dal sito Addameer

 

 

 

 

 

 

, ,

No comments yet.

Lascia un commento