Intervista al giornalista David Sheen, “In Israele dilaga il razzismo”

Ott 8, 2015 | Notizie

Ha lasciato l’ Italia David Sheen giornalista israeliano che si misura con la crescita del razzismo e l’incitamento al razzismo anche da parte di religiosi, capi rabbini, politici cittadine e cittadini.
Un razzismo che non colpisce solo i palestinesi dei territori occupati dal 1967, ma anche le minoranze in Israele, dagli africani ai falascia.

 

da sjee

David Sheen è venuto in Italia, dal 5 al 8 Ottobre 2015, per uno speaking tour organizzato da AssopacePAlestina.
Accompagnato da Luisa Morgantini già Vice Presidente del Parlamento e Presidente di Assopace Palestina  è stato a Firenze, incontrando consiglieri regionali e municipali, compreso il Presidente  e la Vice Presidente della Commissione Europa e Internazionale della Regione Toscana. A Bologna con un evento pubblico molto partecipato ed ha incontrato la Presidente del Consiglio Regionale dell’ Emilia Romagna. A Roma incontro al parlamento europeo con parlamentari per la pace ed un evento pubblico organizzato insieme alla Fondazione Basso.
“Abbiamo sempre parlato di Israele in riferimento all’occupazione militare dei territori palestinesi, alla violazione dei diritti umani, al furto di terra e acqua, ai bombardamenti sui civili. Tutto questo non ha lasciato indenne la società israeliana, una società malata, come dice persino il suo presidente Rivlin, che ha bisogno di essere curata.
E’ tempo, e per questo il lavoro di David Sheen è cosi importante, di guardare dentro Israele, le sue dinamiche e  la forte crescita del razzismo, AssopacePalestina è impegnata in questa direzione, far conoscere la realtà israeliana fuori dagli stereotipi e dai miti: Come ci ha detto David Sheen “anche noi Israeliani ci meritiamo di vivere in una società libera dal razzismo e dal militarismo, aiutateci non coccolando Israele ma facendogli assumere le responsabilità e non lasciare che sia continuamente impunita”
Vi segnaliamo una sua intervista per Libera Tv.

IL RAZZISMO DILAGA DENTRO ISRAELE

3 Commenti

  1. Antonio Caracciolo

    Vi avevo mandato il link del mio “rapporto” sull’evento segnalato:
    http://civiumlibertas.blogspot.it/2015/10/il-razzismo-omicida-della-societa.html
    Ho visto che il mio commento era in attesta di approvazione.

    Or dunque, non rivendico assolutamente nessun diritto a che il commento appaia in un sito non di mia proprietà o gestione, ma gradirei almeno avere una motivazione della mancata approvazione.

    Vi è qualcosa che non va in ciò che ho scritto? E cosa non va? Lo chiedo direttamente alla Signora Morgantini, che ho salutato andando via dalla conferenza, ma con la quale non ho canali diretti di comunicazione.

    Grazie!

    Rispondi
    • Maya

      scusi ma ero all’estero e leggo solo ora il suo commento che ho pubblicato subito.

      Rispondi

Rispondi a Antonio Caracciolo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

Archivi

il 5X100 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio

Rapporti OCHA