Israele alla Corte penale internazionale

Ago 6, 2014 | Iniziative, Notizie

 Venerdì 25 luglio 2014

ICC

il Ministro di Giustizia nel governo di unita’ palestinese e il Pubblico Ministero alla Corte di Giustizia di Gaza hanno depositato una richiesta di crimini di guerra alla Corte Criminale Internazionale (ICC).

La richiesta legale e’ stata consegnata al pubblico ministero, Sig.ra Fatou BENSOUDA,  dal Sig. Gilles DEVERS, avvocato al foro di Lione (Francia). Chiede l’apertura di una inchiesta sulle azioni commesse dalle forze armate israeliane in Giugno e Luglio 2014.

La richiesta ha come oggetto le seguenti violazioni del diritto internazionale, le quali sono tutte crimini di guerra secondo lo statuto dell’ICC:

-uccisione intenzionale

-attacchi su civili

-attacchi che hanno causato perdite incidentali di vita o ingiurie a civili e danno eccessivo

-distruzione e appropriazione di proprieta’

-crimine di colonizzazione

-crimine di apartheid

-violazione del diritto a un processo giusto

 Sebbene Israele non abbia ratificato lo Statuto di Roma dell’ICC, questo non significa che questa procedura non possa procedere.

In realta’, il 22 Gennaio 2009, la Palestina ha accettato la giurisdizione dell’ICC per crimini commessi nel suo territorio, presentando una Dichiarazione di competenza sotto l’articolo 12.3 dello Statuto di Roma.

La Dichiarazione della Palestina nel 2009 e’ ampiamente sufficiente per soddisfare il requisito della giurisdizione dell’ICC.

La Palestina ha aderito all’UNESCO come Stato membro e alle Nazioni Unite come Stato osservatore non membro.

Legalmente parlando, non ci sono ostacoli alla procedura corrente. La richiesta della Palestina procedera’ indubbiamente fin tanto che ottiene un sufficiente appoggio politico.

Il procedimento di fronte all’ICC e’ l’unica minaccia legale che il governo israeliano prende seriamente e l’unico modo per effettivamente prevenire ulteriori crimini di guerra israeliani.

La richiesta depositata dal Ministro della Giustizia palestinese e dal Pubblico Ministero della Corte di Giustizia di Gaza da’ al popolo palestinese la prospettiva di cercare la giustizia che e’ stata negata loro per oltre sessanta anni.

Petizione in italiano, francese, inglese e spagnolo: http://icc4israel.wesign.it/fr

Diritto e giustizia non sono questioni che riguardano soltanto i dirigenti politici e i giuristi: riguardano tutti coloro che sono profondamente colpiti dai crimini commessi a Gaza.

Quando il Ministro della Giustizia e il Pubblico Ministero presso la Corte di Gaza hanno depositato la richiesta legale presso la Corte penale internazionale per rendere giustizia alle vittime dell’aggressione in corso, sono state esercitate pressioni ai più alti livelli per assicurare, ancora una volta, l’impunità di Israele.

I nostri politici non vedono che i Palestinesi muoiono, che vengono feriti e che i loro beni vengono distrutti da un esercito senza onore e senza legge?

Non vedono che Israele impiega una forza smisurata e tutte le tecnologie belliche a sua disposizione per distruggere un’intera società? Non vedono che questa violenza, sistematica e rivendicata con tanta semplicità come un fatto normale, altro non è che un attentato terroristico contro il diritto dei popoli?

L’umanità non ha avvenire se uno Stato, per il solo fatto di disporre di una potenza militare, può in tutta impunità commettere dei crimini di guerra e dei crimini contro l’umanità e negare i diritti fondamentali di un popolosovrano.

Eppure Israele ha scelto la guerra con come unico obiettivo quello di diffondere il terrore tra la popolazione palestinese per imporre la sua presenza su tutta la Palestina. E la Palestina risponde scegliendo il diritto poiché sa che, davanti all’intelligenza del mondo, il più forte è il giusto.

Oggi, il nostro cuore è con i Palestinesi di Gaza che rischiano la loro vita per il solo fatto di essere nati Palestinesi a Gaza, ma i nostri governanti non sono dello stesso avviso.

Mentre il Ministro della Giustizia e il Pubblico Ministero presso la Corte di Gaza hanno depositato la richiesta legale davanti alla Corte penale internazionale per mettere fine alla follia omicida dell’esercito israeliano, i nostri politici si attivano per privare il popolo palestinese del suo diritto alla giustizia.

Noi cittadine e cittadini del mondo denunciamo questa condotta e sosteniamo contro i nostri governanti la richiesta legale depositata dalla Palestina perché la Corte penale Internazionale, sola competente per i crimini più gravi, giudichi quelli che vengono commessi in Palestina in generale e a Gaza in particolare.

E così sarà Giustizia.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

Archivi

il 5X100 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio

Rapporti OCHA