Il sogno di Rajaa: diventare pediatra. Teniamola per mano, camminiamo insieme

È Natale, si fanno e si ricevono regali.

A volte è una gioia, a volte lo si fa per dovere. Spesso non si possono fare per mancanza di soldi.

Quest’anno vi chiediamo di dedicare i vostri regali, o almeno qualcuno di essi, a Rajaa.

Questa giovane ragazza palestinese tenacemente procede verso la meta: diventare medico pediatra, aiutare il suo popolo e prendersi cura dei bambini e delle bambine.  È infatti grazie alla campagna che come Associazione per la Pace abbiamo lanciato che Rajaa è già al suo quinto anno di studi, anni affrontati con impegno e determinazione, superando check point militari ed altre mille difficoltà, ottenendo straordinari risultati.

È un momento difficile per tutti, anche per noi europei, tormentati da crisi economica, mancanza di lavoro, terremoti, insicurezza del futuro, ma non sotto il tallone di ferro di un occupazione militare brutale che toglie terra, acqua, libertà.

Malgrado ciò dobbiamo tenere viva la solidarietà.

 Molti di voi già sanno chi è Rajaa, per diversi semestri abbiamo raccolto, con successo i fondi affinchè lei potesse continuare gli studi di medicina. Da sola non può farcela…non può farcela la sua famiglia duramente provata dalla tragedia della Palestina.

 Rajaa, per chi non lo sapesse, è del villaggio di Bili’in, dove il muro, costruito dal governo Israeliano, ha sottratto ai contadini palestinesi gran parte delle loro terre coltivate.

Il padre di Rajaa, insieme a palestinesi, israeliani e internazionali si è ribellato ed in modo non violento protesta per l’ appropriazione, totalmente illegale, delle terre palestinesi da parte israeliana. Ormai da più di 7 anni il Comitato Popolare di Bili’in sta conducendo questa lotta.

Il padre di Rajaa, Adib, è stato incarcerato ed ha passato 18 mesi in carcere, ora è tornato al suo lavoro: guidare il taxi. Solo che adesso lo fa con fatica e dolore perché durante una delle manifestazioni un soldato gli ha sparato: proiettile di gomma ma anima di acciaio. Ha riportato ferite ad entrambi i femori e ciò che gli rende difficile guidare per molte ore. E la famiglia è davvero grande, con Rajaa i figli sono 9.

 Le tasse universitarie per la facoltà di medicina sono alte. Solo per questo semestre, per il quale contiamo sul vostro impegno, sono di 2.800 euro, a cui si debbono aggiungere i costi per i trasporti dal villaggio all’ Università Al Quds di Abu Dis, il vitto ed i libri di testo, per un ammontare di 1.200 euro.

Dobbiamo farcela a raccogliere 4.000 euro entro la fine di Dicembre.

 Rajaa ha diritto di studiare, il suo sogno è di quelli giusti e irrinunciabili. A chi farà il regalo, dal 15 Gennaio, ciascuna persona riceverà un foto con dedica di Rajaa.

 Grazie di cuore.

 Versate il vostro contributo su:

 UNIPOL BANCA S.P.A 

IBAN   IT50O0312774610000000001527

causale: Rajaa (ricordarsi di mettere la causale)

 Associazione per la Pace è una Onlus la donazione è detraibile dalle tasse

 Per informazioni

Associazione per la pace

info: lmorgantiniassopace@gmail.com

tel. +39 348 3921465

 

, ,

No comments yet.

Lascia un commento