Censurata la mostra su Sabra e Chatila alla Casa della memoria di Roma

L’Associazione per la Pace esprime rammarico e preoccupazione per il fatto che la mostra “Notte molto nera – Sabra e Chatila, una memoria scomoda”, in programmazione a Roma presso la Casa della Memoria e della Storia a partire dal prossimo 30 maggio, sia stata cancellata a pochi giorni dall’inaugurazione. L’iniziativa aveva ricevuto tutte le autorizzazioni del caso, compresa una lettera di incarico protocollata dal Comune di Roma. Non è stata data nessuna comunicazione ufficiale circa le mutate circostanze, né è stato fornito il motivo del rinvio sine die.

Non è la prima volta che la Casa della Memoria rifiuta di ospitare un evento culturale dedicato alla storia palestinese. Non osiamo neppure più sperare che si tratti di una coincidenza e chiediamo che vengano al più presto date spiegazioni plausibili per questa scelta, che non fa certamente onore alla Casa della Memoria e della Storia. Il suo nome ci dice che dovrebbe ricoprire il ruolo di bene comune e non praticare scelte che confinano i palestinesi, oppure altri popoli non graditi ai potenti, a “figli di un dio minore” .

Ci auguriamo quindi che la Casa della Memoria si comporti come tale ed ospiti la mostra su Sabra e Chatila.

Luisa Morgantini e Carolina Zincone (Assopace)

No comments yet.

Lascia un commento